pavimento-pelvico

Come evitare danni al pavimento pelvico

Sono oltre quattro milioni le donne italiane che soffrono, ma spesso nascondono, patologie legate al pavimento pelvico. Ne parliamo con Francesca Chieppa, psicologa e psicoterapeuta di Milano che in tandem con un’ostetrica si è specializzata nella riabilitazione, mentale e fisica, di questa speciale categoria di pazienti.

Domanda: Cos’è e a che serve il pavimento pelvico?

Risposta: Chiamato anche perineo è la base dei muscoli orizzontali del nostro corpo. È ciò che sorregge le nostre viscere: vescica, utero e retto. È un vero e proprio pavimento. È importante che rimanga solido e tonico per evitare, o ritardare il più possibile i prolassi, quelli che, ad esempio, possono verificarsi dopo una gravidanza. Le donne sono particolarmente esposte al rischio prolasso del pavimento pelvico soprattutto dopo i 40 anni. Con sintomi (dall’incontinenza alla secchezza vaginale) che possono peggiorare autostima e relazioni di coppia. Il nostro laboratorio funziona così: l’ostetrica visita la paziente per controllare lo stato di salute del perineo ed io, come psicologa, la interrogo per capire se ci sono stati traumi psicologici. Tante donne, per esempio, dopo un grande dolore come un lutto diventano incontinenti. La perdita di urina può essere una manifestazione della sofferenza emotiva.

D: In che cosa consiste la riabilitazione?

R: In Italia, purtroppo, siamo ancora fermi alla cura di queste patologie da un punto vista esclusivamente fisico. I consultori, spesso, praticano la riabilitazione fisica del perineo e raramente viene svolto un lavoro psicologico sulla paziente. Noi proponiamo cinque incontri di gruppo sul tema con un approccio olistico: dalla meditazione all’attivazione reiki del perineo, agli esercizi ad hoc di yoga e Pilates. In futuro offriremo anche una consulenza sull’alimentazione.

D: In che modo si mantiene in forma il perineo?

R: Gli esercizi di riabilitazione vengono in genere insegnati da un’ostetrica. Se poi una donna ha confidenza con il proprio corpo può praticare un auto-massaggio del pavimento pelvico che consiste nell’inserire, seguendo una precisa tecnica, il pollice nella vagina. Ed eseguire i movimenti di contrazione volontaria del perineo codificati  da Arnold Kegel.

D: Come si può fare prevenzione?

R: Oltre agli esercizi di contrazione testè citati, è importantissimo, camminando, avere la postura giusta  perché un’andatura scorretta influisce negativamente sulla salute del nostro perineo.

Leave a Comment

10 − 8 =

0
Connecting
Please wait...
Invia messaggio

In questo momento sono offline

Your name
* Email
* Che cosa hai bisogno?
Login now

Need more help? Save time by starting your support request online.

Your name
* Email
* Describe your issue
Sono Online!
Feedback

Help us help you better! Feel free to leave us any additional feedback.

How do you rate our support?

START TYPING AND PRESS ENTER TO SEARCH