child-1439468_1920

Genitori e figli: in caso di separazione

La separazione dei genitori è considerata uno tra gli eventi di vita più stressanti, per tutti i membri che compongono una famiglia. I bambini vivono la rottura del nucleo familiare come ingiusta, si sentono tristi e amareggiati. Spesso nutrono risentimento nei confronti dei loro genitori e possono ritenere uno dei due responsabile di questa decisione. Per arrivare a comprendere appieno la situazione e ad accettare che sia definitiva, possono essere necessari anche alcuni mesi.

E’ fondamentale che, da parte di entrambi i genitori, ci siano chiarezza e sincerità nelle comunicazioni che vengono date ai bambini. Hanno la necessità di sapere con chi andranno a vivere e quando avranno la possibilità di vedere l’altro genitore, hanno bisogno di essere rassicurati sul fatto che entrambi i genitori vogliono loro bene come prima. Lo stress che la separazione comporta per i bambini può essere alleviato se i genitori sono in grado di mantenere tra loro due una relazione collaborativa ed amichevole.

Può capitare che il bambino si senta in qualche modo responsabile della separazione dei genitori, è quindi importante spiegare chiaramente che mamma e papà si separano perché non vanno più d’accordo e che questo non ha nulla a che fare con il bambino.

Le ricerche e gli studi in questo ambito dimostrano che, nonostante il dolore e la sofferenza iniziali, la maggior parte dei bambini recupera un completo benessere entro due anni dalla separazione. Le condizioni fondamentali perché questo si verifichi, sono che i genitori collaborino e che le visite all’altro genitore si siano stabilizzate.

Il momento più delicato è quello che segue immediatamente la separazione, quello in cui gli stessi genitori devono fare i conti con le loro emozioni, con la fine del loro matrimonio, con la loro sofferenza. Per quanto concerne le modalità con cui i bambini esprimono lo stress, dipende dalla loro età e dalle caratteristiche individuali.

IL RIFIUTO

Alcuni bambini non riescono ad accettare l’idea della separazione, il loro tentativo per evitare che se ne parli può essere quello di isolarsi o di fare finta che non stia succedendo niente.

LA RABBIA

Quando i bambini si rendono conto che la separazione è inevitabile, possono manifestare rabbia verso uno o entrambi i genitori, verso i coetanei o i compagni di scuola. Un bambino piccolo può fare molti più capricci rispetto a prima. Il bambino può esprimere la sua rabbia anche fuori casa, per questo motivo è importante che a scuola gli insegnanti siano a conoscenza della separazione. Così facendo gli insegnanti avranno la possibilità di dare maggior aiuto al bambino e di essere più comprensivi per il suo comportamento.

TENTARE IL RIAVVICINAMENTO

Alcuni bambini pensano di poter fare qualcosa per evitare che i genitori si separino. In questo caso è importante rassicurare il bambino dicendogli che niente di ciò che ha fatto o non ha fatto ha avuto un peso sulla decisione dei genitori e che non può fare niente perché mamma e papà tornino insieme.

AUMENTO DEL PIANTO

Quando il bambino ha piena consapevolezza di quello che sta accadendo, della sua inevitabilità e del fatto che la separazione è definitiva, il bambino può piangere molto facilmente.

ACCETTARE LA SEPARAZIONE

Per quasi tutti i bambini arriva il momento in cui la separazione dei genitori viene accettata, ci sono alcune condizioni che favoriscono il raggiungimento di un risultato ottimale. Un fattore importante è fare in modo che i bambini continuino ad avere gli stessi ritmi ed abitudini di prima. Pur riconoscendo che si tratta di un periodo difficile, in casa dovrebbero essere mantenute le stesse regole comportamentali di prima. Infatti, cercare di essere più comprensivi sul rispetto delle norme di condotta può portare ad un peggioramento del comportamento. Se tra i due genitori era quello che non vive più col bambino che principalmente dava delle regole, è essenziale che chiariate subito le norme comportamentali che considerate importanti, stabilendo le conseguenze della loro inosservanza.

I bambini piccoli spesso non riescono a capire appieno ciò che sta accadendo in famiglia, tuttavia hanno tipiche reazioni in risposta allo stress del genitore con cui vivono e all’ improvvisa assenza dell’altro genitore. Alcuni vogliono stare appiccicati al genitore, essere tenuti in braccio e coccolati a lungo o voler dormire nel lettone. La ricomparsa di alcuni comportamenti tipici di una fase precedente, come succhiarsi il pollice o parlare come un bambino più piccolo, sono comuni in situazioni in cui si sentono preoccupati o in ansia. Può capitare che si mettano a fare molti capricci quando devono separarsi da voi, anche in occasioni che prima non creavano problemi, come andare all’asilo o alzarsi dal letto. Un bambino piccolo ha bisogno di essere rassicurato sul fatto che anche voi non sparirete lasciandolo solo.

I bambini più grandi possono, allo stesso modo, mostrare comportamenti particolari legati al sonno come, per esempio, fare la pipì a letto, avere incubi o rifiutarsi di voler andare a dormire; è inoltre possibile che la loro rabbia si manifesti nei confronti di uno o di entrambi i genitori, verso i fratelli, le sorelle o gli insegnanti. Alcuni bambini assumono un atteggiamento da bambini più grandi, perché sentono di doversi prendere cura del genitore che è stato lasciato solo. In alcuni casi, i bambini possono esprimere la loro rabbia rifiutandosi di collaborare con gli altri o comportandosi in modo aggressivo. A volte i bambini più grandi possono arrivare a minacciare di scappare di casa. Hanno bisogno di sentirsi dire che sono molto importanti per la famiglia e che voi soffrireste molto se andassero via.

Con il passare del tempo, lo stile di vita di una famiglia con un solo genitore trova una sua stabilità. Ad un bambino può essere utile sapere che non è l’unico che sta crescendo con un solo genitore, che è successo a molti altri e che tutto è andato bene. E’ importante incoraggiare il bambino a manifestare le sue emozioni ed è altrettanto importante dedicare tempo ad ascoltarlo

(cit. M. Di Pietro, M. Dacono)

Leave a Comment

8 − due =

0
Connecting
Please wait...
Invia messaggio

In questo momento sono offline

Your name
* Email
* Che cosa hai bisogno?
Login now

Need more help? Save time by starting your support request online.

Your name
* Email
* Describe your issue
Sono Online!
Feedback

Help us help you better! Feel free to leave us any additional feedback.

How do you rate our support?

START TYPING AND PRESS ENTER TO SEARCH